La Donna nel Mediterraneo
Editoriale
le storie Il velo
le storie La storia
- Luoghi e popoli
cronaca Le Parole
le storie Le storie
cronaca Cronaca
- Immagini
opinioni Legislazione italiana
opinioni Opinioni
Materiale didattico
Il velo nuziale

Il velo nuziale, bianco, simboleggiava l'aspetto sacrale della verginità. Era considerato peccato indossare il velo se la verginità non c'era più. Anzi, se durante la cerimonia accadeva che il velo dovesse malauguratamente cadere, l'onore della ragazza era ritenuto compromesso e la ragazza rovinata.Questo evento era considerato come una denuncia magico-sacrale: la ragazza non era degna del velo bianco.
La verginità viene così considerata un "fatto sociale". Per il matrimonio, in molte tradizioni popolari italiane, era necessario che la ragazza fosse vergine.
Sin dal momento del fidanzamento, la verginità della ragazza viene garantita, vigilata e protetta in modo ossessivo. Il fidanzato andava a trovare la ragazza, ma solo in presenza dei genitori, o di un fratello o di una sorella. Anche le amiche a volte non erano ritenute un controllo sufficiente. Le visite si svolgevano sempre nello stesso modo e i due hanno pochissime occasioni per rimanere soli. Perché succedeva questo? Si può ipotizzare che ci fosse un'assoluta mancanza di fiducia nei confronti del ragazzo, che, in quanto uomo, possedeva una virilità che doveva essere controllata.
La potenza della virilità era un dato di fatto, una specie di garanzia per il matrimonio.
Il ruolo di "maschio pericoloso" veniva interiorizzato dal ragazzo così tanto che la sfiducia che i parenti della futura sposa nutrivano per lui quasi diventava gratificante.
Ma possiamo anche ipotizzare, con più certezza, che è la verginità della ragazza che doveva essere tutelata, perché essa era parte consistente della dote. Nelle società patriarcali, come erano quelle del Mediterraneo, spesso la donna veniva votata alla castità: all'uomo si riconosceva più apertamente il diritto a vivere la sua sfera sessuale, mentre la sfera sessuale della donna era circoscritta al matrimonio.
Infatti, se l'atto sessuale avveniva fuori dal matrimonio, esso portava disonore, vergogna, colpa.
Non solo, ma la ragazza trascinava con sé nel disonore tutta la sua famiglia.

Silvia Colona
Soluzioni informatiche Sibilla NetSibilla Net