La Donna nel Mediterraneo
Editoriale
- Il rito
le storie La storia
le storie Luoghi e popoli
cronaca Le Parole
le storie Le storie
- Cronaca
- Immagini
legislazione Legislazione italiana
le storie Opinioni
Materiale didattico
Intervista a Rim


Rim, come funziona il corteggiamento da voi, in Tunisia? Me ne puoi parlare?
All'inizio c'è un corteggiamento, cioè, i ragazzi si vedono per una festa. Da noi succede che c'è una festa per un matrimonio e i ragazzi si vedono là, cominciano a guardarsi da sotto sotto, piano piano. Il ragazzo va chiedere a qualcuno che conosce la ragazza. Il corteggiamento è libero, non ci sono problemi, il ragazzo sceglie la ragazza che gli piace. Una volta il genitore sceglieva, adesso no, ormai è da anni…anni…

Quanto può durare il corteggiamento?
Il corteggiamento dura anche un mese. Perché la ragazza non dà molto spazio al ragazzo per vedere se è veramente interessato o no. Si fidanzano dopo, al primo incontro: al primo incontro parlano però non con tutta la…cioè parlano di pochissime cose …poi piano piano, al secondo, il terzo incontro, poi dopo un po' di tempo passano due, tre, quattro mesi e fanno il fidanzamento che lei e lui si vede che sono due persone molto adatte. Poi pensano alle cose che non gli piacciono, allora si mettono d'accordo sulle cose che non vanno bene per loro, uno dice: guarda, per la verità non mi sta bene andare avanti con te, questa storia…lei mette avanti anche alcune condizioni, eh…della famiglia, che non vogliono lasciarla… Le famiglie si conoscono dopo un po' di tempo, deve passare un po' di tempo, perché la famiglia non l'accetta subito che la figlia presenta uno, così. Lo chiedono, fanno tante domande, chi è, dove l'hai conosciuto, chi non è, è di quella famiglia, non è di quella famiglia, passano sei mesi per questo fatto. Dopo la ragazza, quando è più sicura che il ragazzo che gli vuole bene veramente, comincia a parlare con sua madre perché vicino al padre non si dice nemmeno mezza parola! però con la madre o una sorella più grande di lei comincia a parlare, dice, guarda questo…e poi comincia a fare sapere pure alla madre e a tutti i suoi familiari e loro cominciano ad accettarlo come genero.

E invece il fidanzamento ufficiale quando avviene?
Per il fidanzamento ufficiale c'è proprio una cerimonia vera e propria. Una bella festa, vengono i familiari del ragazzo a casa della ragazza, una festa veramente bellissima, ballano, si fa anche la cena. La ragazza pure mette un vestito bianco, come si usa nei matrimoni. Poi per il matrimonio c'è un altro vestito tradizionale. È troppo bello.

Come è fatto il vestito da sposa tradizionale?
Questo vestito è lavorato a mano, è lavorato con delle perle…non sono pratica non so come si chiamano gli oggetti che si attaccano vicino. È un po' pesante. Una quando lo mette non ha la forza di camminare, quello di un'altra città pesa di più, perché ogni città c'ha la sua tradizione. Io sono precisamente del Sud della Tunisia. Si mette oro, tutto oro e non puoi camminare perché è pesante. È un pezzo unico non c'è la gonna… è un pezzo e poi si attacca con due cose di oro qua ai fianchi, alla vita, due grandi cerchi di oro e poi si mette delle collane lunghissime fino a qua (fino alla vita). L'oro è di sua madre, quello è il corredo che la mamma le dà. La mamma quando cresce la bambina comincia ogni volta a darle una cosa finché la bambina cresce e diventerà una donna. Il giorno del suo matrimonio quello è il regalo della mamma.

Questo oro è la dote?
La dote è un'altra cosa, quella è la prima cosa, come lenzuola fatte a mano, degli oggetti che hanno molto significato in casa, si compra tutto. Si conservano in casa, poi prima del matrimonio, alcune donne parenti della sposa vanno alla casa della sposa, fanno una bella pulita. C'è un giorno prima del matrimonio, due tre giorni prima, che loro vanno alla casa della sposa e cominciano a fare delle cose.
Quattro cinque donne vanno a sistemare la casa, montano le tende, sistemano i bicchieri, i piatti, tutto tutto tutto…fino anche il sapone comprano, non deve mancare niente perché la sposa… Il letto lo preparano ma non completo. Quello si fa la vigilia della prima notte di matrimonio. Vanno le sue sorelle, cugine e lo preparano.

Come si svolge la cerimonia del matrimonio?
Il fidanzamento è come il matrimonio, perché lui porta anche l'anello, che è diverso da quello del matrimonio. Ma è diverso, perché il giorno del fidanzamento dura un giorno, mentre quello del matrimonio dura quasi…una settimana. Per il matrimonio, in casa tutti dobbiamo aiutare, si fa la pittura in casa, si compra delle cose nuove che dopo vengono gli ospiti in casa, poi ci sono gli ospiti che vengono dal primo giorno fino all'ultimo!
Specialmente le donne anziane, perché da noi le donne anziane molto rispettate. Se non ci sono le donne anziane il matrimonio non è un granché. Le donne anziane danno anche del valore particolare, anche con una parola loro ti aiutano, loro hanno più esperienza, quindi danno più importanza al matrimonio.
Poi anche loro cucinano bene, fanno dei piatti buonissimi, non come i ragazzi giovani, ma come tua nonna, tua madre. Una donna ancora giovane non è come una donna esperta che ha passato anni e anni a cucinare. Il primo giorno ripulisce, si preparano i dolci, i biscotti… ché alla sera fanno la festa. Gli uomini si mettono da una parte per fatti loro, loro scherzano, le donne hanno la parte per loro, ballano, cantano, ridono, scherzano, fanno delle cose… e poi la notte tardi, quando finisce la festa, ci sono i vicini di casa e restano solo i familiari, passiamo la notte a cucinare, a preparare.
E poi il giorno dopo si fa la stessa cosa, ci si alza, si cucina, si aiuta, i ragazzi aiutano. C'è chi va a fare la spesa, chi cucina, c'è chi prepara qualche cosa, c'è chi fa il caffè, il latte, i biscotti. Poi ci sono pure i giorni che noi prepariamo il vestito per noi. C'è chi se lo compra, c'è chi se lo affitta, la maggior parte lo vanno a fittare per una notte.
Questo è bello pure per noi, perché dopo la fatica del matrimonio, devi pensare anche a te e noi ce ne andiamo a scegliere il vestito, i nostri, per noi, tradizionale. Tutto quello che ti ho detto succede a casa dello sposo.
La sposa fa la festa a casa sua, coi suoi familiari, le sue amiche. È la stessa cosa che fa lo sposo.

E lo henna?
C'è una cosa diversa, però, che è lo henna e si fa per due o tre giorni finché si fa nero, così! All'inizio è rosso. E questa henna per noi è un simbolo, simbolo di felicità, di augurio, come voi in chiesa si butta il riso. Si fanno dei segni sul palmo delle mani e sotto i piedi, sopra il piede si può fare tipo tatuaggi, coi puntini, ma quello si chiama el harkus, ma non è un tatuaggio però. Questo in una settimana, quindici giorni sparisce.
L'uomo si mette solo il mignolo nell'henna (lo sporca solamente) e le donne si fanno disegni dell'henna, come ricami. L'uomo è uomo, non si fa l'henna. Si fa solamente un dito, che sarebbe simbolo dello sposo. Oppure i ragazzi, gli invitati, in un altro giorno, dopo tre giorni che la ragazza fa l'henna, portano allo sposo quello che rimane dell'henna, alla casa dello sposo, alla famiglia dello sposo.
I familiari della sposa, non la sposa, portano l'henna dallo sposo con la candela accesa e dei confettini sopra, delle caramelle. Quella sera c'è anche la festa a casa dell'uomo.
Quella sera, gli invitati danno le buste di soldi allo sposo. Allora ogni ragazzo che fa l'henna qua al mignolo lui dà i soldi. Durante la festa della henna si portano i musicisti, si canta, si balla tutti insieme…noi non ce l'abbiamo la separazione tra uomini e donne, perché è più bello quando siamo insieme.
Poi c'è il bagno turco, è bellissimo. Bellissimo! Dalle cinque del mattino fino a mezzogiorno vanno gli uomini, dall'una fino alle 6 del pomeriggio è per le donne.
Al bugno turco, lo sposo lo portano gli amici suoi e fanno scherzi , ballano, cantano, dicono delle battute. Invece nel bagno della sposa, si riuniscono tutti: mamma, figli, cugini, amici e la sposa, tutta coperta che si vedono solo gli occhi, e la portano al bagno turco con i tamburi, i tamburelli, le donne che ballano, cantano per la strada.
E poi c'è una cosa, come si chiama… È una cosa che si usa nelle case, che si mette per l'odore, un profumo tipo incenso, però di erba. Molto profumato. Allora con questo, portano la sposa. E si entra nel bagno.
Per la sposa c'è una donna che viene e dal primo giorno cura la sposa, la hennena. La chiamano così perché fa l'henna. Allora questa donna, cura solo la sposa per fare l'henna. E poi si fa la ceretta per tutto il corpo per tutto il corpo, dal viso, tutto, tutto…dappertutto. Anche quando va nel bagno turco, c'è la hennena, perché lei lava la sposa.
Lava la sposa e la mette negli asciugamani e la porta fuori, in un posto dove la sposa sta nascosta e si veste. E poi noi continuiamo a lavarci, dentro facciamo casino, si offrono le bibite, si portano anche piatti pieni di biscotti a tutti quelli che sono là dentro.
Poi la sposa si fa la doccia con l'acqua tiepida e poi passa la crema per calmare u po' il dolore della ceretta.
Il giorno dopo, va nel bagno turco e si fa l'ultima sciacquata, una sciacquatina prima di vestirsi, perché quella sera c'è la festa a casa sua, ma al bagno turco ci va solo con una persona, o l'hennena, o la sorella o la cugina, non con tutti quelli del giorno prima. A volte l'hennena non ci va, perché ha la sua famiglia, deve cucinare… poi la sera la sposa torna e poi quella sera c'è la festa che è l'ultima volta che la sposa sta casa sua.
Si mette il vestito tradizionale, uno o due o tre, cambia vestiti. Vengono gli ospiti, è l'ultima sera per la sposa e la famiglia, perché il giorno dopo c'è il matrimonio.
Allora vengono tutti i familiari, anche dello sposo, anche lo sposo va dalla sposa, però non vestito tanto bene, pulito, certo, ma con la barba un po' lunga, perché il giorno dopo lui la farà. Lo sposo va nel bagno turco il giorno del matrimonio.
La sposa la sera che fa la festa e vengono gli ospiti e portano regali. I soldi li hanno già regalati prima, il giorno della henna, anche la sposa fa così. Gli sposi, la vigilia del matrimonio, portano da mangiare, le casse di bibite, la gassosa, la coca cola, il the, lo zucchero, che là il caffè non si usa tanto, si usa il the verde o rosso. Le persone si aiutano molto per la festa del giorno dopo.
E poi anche quella sera fanno una cena con tantissima gente, una sera a casa della ragazza, una sera a casa del ragazzo, perché invitano tutti, anche la famiglia di lui o di lei. La sposa però resta a casa sua con qualcuno, non ci va alla festa dallo sposo, quando va la sua famiglia. Alla cena mangiano, si divertono, poi tornano a casa.
La sera della cena dallo sposo, che la sposa rimane a casa, si annoia, si riposa, che poi l'aspetta una serata!!! Dopo la cena c'è la troupe musicale sul terrazzo o sul tetto. Sopra si riempie e la troupe comincia a suonare.
È una serata bellissima, la gente si diverte, perché il giorno del matrimonio si diverte pure, ma quella sera è particolare, rimangono dei ricordi bellissimi, delle storie belle. Il giorno del matrimonio la sposa va dal parrucchiere, verso le dieci di mattina fino alle cinque del pomeriggio e lo sposo aspetta con la sua famiglia…! Il parrucchiere lavora solo con la famiglia della sposa, nessun altro. Poi la sposa va a casa, viene lo sposo con la sua famiglia.
Entrano, lui alza il velo della sposa e la bacia in fronte e poi la sposa esce col bouquet bellissimo. Poi tutti escono e vanno nella "sala", oppure si può affittare una sala di albergo. L'imam, o un uomo religioso (adul), viene a casa della sposa solo quando fanno la firma del contratto, ma qualche giorno prima del matrimonio. Deve firmare anche il padre della sposa o lo zio di lei.
Se la sposa dice di sì, che vuole sposarsi, firmano. Ci sono tutti i familiari come testimoni. A volte si fa direttamente al comune col sindaco. Si può scegliere dove farlo, è indifferente.
La donna porta la dote, i mobili, le cose della casa lo sposo affitta la casa e mette altre cose. Anche questo viene scritto nel contratto di matrimonio. Nella sala, si fa la cerimonia del matrimonio e la festa. Le famiglie degli sposi offrono le cose da mangiare e dopo la festa gli sposi se ne vanno a casa loro e… figli maschi! Se la donna non è vergine, lo sposo può decidere rimandarla a casa dei suoi genitori. Le fa passare la notte con lui, ma il giorno dopo lei non lo vede più.
Ma dopo qualche anno lei può sposarsi con qualcuno, dicendogli che è divorziata perché non andavano d'accordo. Non si fa mai sapere al nuovo marito questa cosa.
E qualche volta il secondo è meglio del primo! Dopo la prima notte di nozze, la sposa deve mostrare la sua camicia da notte bianca sporca di sangue. Durante il fidanzamento, i ragazzi non possono avere rapporti sessuali, però se lui la ama e lei pure si mettono d'accordo e lui non lo fa sapere ai familiari di lei.
Soluzioni informatiche Sibilla NetSibilla Net