La Donna nel Mediterraneo
Editoriale
- L'istituto del matrimonio
le storie La storia
le storie Luoghi e popoli
le storie Le Parole
le storie Le storie
le storie Cronaca
- Immagini
legislazione Legislazione italiana
- Opinioni
- Materiale didattico
Algeria. La legge di famiglia

La legge della famiglia in vigore in Algeria è stata adottata nel 1984. Essa disciplina non soltanto il matrimonio e la filiazione, ma anche la rappresentanza degli incapaci, le successioni, gli atti di ultima volontà e le donazioni. La legge ha tra le proprie fonti anche la sharia.
«La famiglia è la cellula fondamentale della società. Essa è formata dalle persone unite dal vincolo matrimoniale e dalla parentela» (art. 2). Il matrimonio è un contratto concluso tra l'uomo e la donna. Tra i suoi fini vi sono «la costituzione di una famiglia fondata sull'affetto, la benevolenza e l'aiuto reciproco; la protezione della virtù dei coniugi e la perpetuazione della stirpe» (art. 4).
La capacità matrimoniale dell'uomo è completa al compimento del ventunesimo anno di età; quella della donna è completa al compimento del diciottesimo anno di età. Il contratto di matrimonio è concluso con il consenso dei due sposi attraverso il tutore matrimoniale della sposa, alla presenza di due testimoni e con la determinazione del dono nuziale. Il tutore matrimoniale della sposa è il padre o uno dei parenti prossimi. Il tutore non può impedire il matrimonio se ella lo desidera.
Se egli si oppone il giudice può autorizzare il matrimonio. Tuttavia il padre può impedire il matrimonio della figlia vergine, se ciò è nell'interesse della figlia.
Il contratto nuziale si perfeziona davanti ad un notaio o ad un funzionario a ciò abilitato. Per contrarre matrimonio entrambi i coniugi devono essere esenti da una serie di impedimenti. Gli impedimenti matrimoniali perpetui sono: la parentela, l'affinità e la parentela di latte.
Gli impedimenti temporanei riguardano: la donna sposata; quella che si trova in ritiro legale in seguito al ripudio, al divorzio o alla vedovanza; la donna ripudiata tre volte. Non è permesso il matrimonio della donna musulmana con un uomo non musulmano.
La novità della legge algerina risiede nella possibilità per l'uomo di sposare quattro mogli a condizione che vi sia un motivo legittimo. «Il matrimonio è concluso dopo averne informato sia la moglie precedente sia quella successiva: ciascuna può agire in giudizio contro il marito in caso di dolo e chiedere il divorzio se non consente [al matrimonio poligamico]» (art. 8).

Gennaro Errichiello
Soluzioni informatiche Sibilla NetSibilla Net