La Donna nel Mediterraneo
Editoriale
- L'istituto del matrimonio
le storie La storia
le storie Luoghi e popoli
le storie Le Parole
le storie Le storie
le storie Cronaca
- Immagini
legislazione Legislazione italiana
- Opinioni
- Materiale didattico
Requisiti del matrimonio

L'articolo 5 del Codice di Statuto Personale del Regno Hashemita di Giordania tratta i requisiti del matrimonio. In esso si legge: "Entrambi i fidanzati devono essere sani di mente. Il fidanzato deve avere compiuto 16 anni e la fidanzata 15 anni ". Riguardo questo limite di età, in Giordania è in corso un dibattito.

Secondo la legge giordana, così come secondo la maggior parte delle legislazioni dei Paesi arabi, il consenso della sposa è un requisito fondamentale affinché il matrimonio sia valido. Occorre, però, anche il consenso del tutore della sposa rappresentato dal padre o, in caso di morte di quest'ultimo, da uno degli uomini della famiglia.

Nella legislazione giordana la donna è paragonata ai minori e, pertanto, è legalmente soggetta ad un tutore, il quale ha la potestà su di lei e l'obbligo di mantenerla economicamente fino al matrimonio. E' nel matrimonio, infatti, che avviene l'emancipazione della donna rispetto alla famiglia d'origine.

La legislazione giordana conferisce alla donna un discreto margine decisionale nella scelta del coniuge. Se non c'è una motivazione valida, e se la sposa è maggiorenne, il padre o il nonno di quest'ultima non possono impedire il matrimonio, come sancisce l' articolo 16 del Codice di Statuto Personale:
    Art. 16.1. "Il Giudice può celebrare il matrimonio di una ragazza che abbia compiuto i 15 anni di età, nonostante colui che ha la potestà su di lei, a meno che non si tratti del padre o del nonno, rifiuti di dare il suo permesso senza una motivazione valida";

    Art. 16. 2. "Se il padre o il nonno rifiutano di dare il loro permesso al matrimonio senza una motivazione valida, il Giudice non può celebrare il matrimonio della ragazza in questione, a meno che quest'ultima non abbia compiuto i 18 anni di età".
Ancora, l' articolo 7 dello Statuto Personale Giordano sancisce:

"Una ragazza che non ha compiuto i 18 anni di età non può contrarre matrimonio con un uomo più grande di lei di 20 anni, a meno che il Giudice non si accerti del suo consenso".

Tuttavia è difficile stabilire il reale consenso della sposa, visto che sono diversi i casi in cui le ragazze sono fortemente influenzate, o addirittura costrette, a contrarre matrimonio con l'uomo scelto dalla famiglia, come sostiene il giudice Qubadj:

"La legge civile riguardante l'età di matrimonio è chiara, ma si hanno ancora delle contraddizioni nell'applicazione della legge.
Ho riscontrato diversi casi in cui delle donne sono venute da me denunciando di essere state obbligate a sposarsi in età troppo giovane
".

Debora Avolio



Codice di Statuto Personale, 1977, traduzione dell'articolo 5;
Codice di Statuto Personale, 1977, traduzione dell'articolo 16;
Codice di Statuto Personale, 1977, traduzione dell'articolo 7;
Rana Husseini, 20 maggio 1998, "Religious leaders, sociologists examine issue of raising legal marriage age", in Jordan Times, Amman;
Soluzioni informatiche Sibilla NetSibilla Net