La Donna nel Mediterraneo
Editoriale
- L'istituto del matrimonio
le storie La storia
le storie Luoghi e popoli
le storie Le Parole
le storie Le storie
le storie Cronaca
- Immagini
legislazione Legislazione italiana
- Opinioni
- Materiale didattico
Elementi essenziali del matrimonio: Forma o espressione del consenso

L'espressione del consenso non richiede forme solenni; basta che il wali adoperi la formula «Io ho dato mia figlia (o mia sorella, ecc.) in matrimonio» e che lo sposo o chi lo rappresenta dichiari di accettare, indicando il dono nuziale. L'ordine delle dichiarazioni si può anche invertire. Le dichiarazioni debbono sempre essere dirette ed esplicite. Il consenso della sposa deve essere chiaramente espresso:
  1. Se la sposa ha già avuto marito o non sia più vergine;
  2. Se è stata emancipata dal padre o tutore;
  3. Se è orfana oppure se il tutore non abbia il potere di coazione;
  4. Se il dono nuziale consiste in cose mobili o immobili determinate, perché il contratto di matrimonio viene considerato, in questo caso, come una compra-vendita, che richiede l'espressione formale del consenso. Lo scambio dei consensi non può farsi tra assenti. Inoltre, il consenso deve essere dato semplicemente, ed esprimere una volontà definitiva, non può essere sospeso a condizione né a termine.
Gennaro Errichiello
Soluzioni informatiche Sibilla NetSibilla Net