La Donna nel Mediterraneo
Editoriale
- L'istituto del matrimonio
le storie La storia
le storie Luoghi e popoli
le storie Le Parole
le storie Le storie
le storie Cronaca
- Immagini
legislazione Legislazione italiana
- Opinioni
- Materiale didattico
Elementi essenziali del matrimonio: Il consenso delle parti

Il secondo elemento essenziale del contratto di matrimonio è il consenso delle parti, cioè la volontà di entrambi i coniugi di costituire tra loro una convivenza permanente. Il contratto può essere rescisso se:
  1. Ci sia stato un errore sulla persona o sulla qualità di questa: un coniuge può chiedere la rescissione se risulta che l'altro coniuge è figlio adulterino o spurio o di condizione servile.
  2. Ci sia stata violenza: la violenza può essere fisica o morale, ed è «costituita dal timore di un male grave per sé, o per la persona od i beni di un figlio o discendente». Anche la coazione morale può essere considerata violenza. Vi è però un'eccezione a questa regola. Il padre o il tutore testamentario, quando questo ne ha avuto la facoltà dal testamento, possono dare marito alla fanciulla vergine (pubere o impubere) senza il consenso della ragazza. Lo stesso diritto di coazione spetta al padre: a) sulla figlia demente anche se non più vergine per un precedente matrimonio; b) sulla figlia che non è più vergine per causa di una violenza da lei subita o di un accidente.
Il diritto di coazione del padre cessa:
  1. Quando la figlia non è più vergine per avere avuto un marito e consumato il matrimonio. Il matrimonio, infatti, è causa di emancipazione della donna e sottrae la figlia al potere del padre.
  2. Quando la figlia ha convissuto per un anno con il marito senza aver consumato il matrimonio.
  3. Se la figlia è stata emancipata dal padre.
  4. Se, essendo orfana di padre, la vergine non abbia tutore avente potere di costringerla al matrimonio. Il diritto di coazione si esercita anche sui maschi: il demente e l'impubere possono essere costretti al matrimonio dal padre o dal tutore testamentario; questo diritto cessa con la pubertà.


Gennaro Errichiello



Santillana D., Istituzioni di diritto musulmano malichita con riguardo anche al sistema sciafita, Ipo, Roma, 1923, Vol. I, p. 209.
Soluzioni informatiche Sibilla NetSibilla Net