La Donna nel Mediterraneo
Editoriale
- L'istituto del matrimonio
le storie La storia
le storie Luoghi e popoli
le storie Le Parole
le storie Le storie
le storie Cronaca
- Immagini
legislazione Legislazione italiana
- Opinioni
- Materiale didattico
Matrimonio temporaneo

Il matrimonio temporaneo o nikah al mutah (letteralmente: matrimonio di godimento) è quell' istituto giuridico che consente ad un uomo e ad una donna di contrarre matrimonio per un periodo limitato nel tempo e stabilito in precedenza, ad esempio qualche ora, qualche giorno, dei mesi o degli anni.
Condannato con fermezza dai sunniti, questo istituto è dagli sciiti considerato legale quanto il matrimonio classico.
In realtà molti sciiti tradizionalisti lo rifiutano con disgusto e nessun padre darebbe sua figlia in sposa per un tempo limitato. Secondo alcuni lo nikah al mutah costituirebbe una forma di prostituzione mascherata.
Prostituzione o no, il matrimonio temporaneo fornisce una risposta quanto mai sorprendente al problema, sempre occultato, della sessualità in una società islamica, in cui i giovani, per mancanza di mezzi, si sposano molto tardi.

Trascrivo qui di seguito una parte dell'intervista fatta ad un esponente del partito sciita dell' Hizballah (Partito di Dio) nel sud del Libano dalla giornalista marocchina Hinde Taarji, e riportata nel suo libro Le donne velate dell'Islam del 1992:

"Noi mussulmani sciiti, crediamo, in conformità dei testi che lo ziwaj el-mutaa sia stato permesso dal Profeta e sia autorizzato dalla Sharia. I sunniti sostengono che è stato vietato da un versetto coranico, ma quel versetto precede quello che l'autorizza e quindi non può prescriverlo. Essi ritengono, tra l'altro, che il Profeta l'abbia semmai autorizzato in casi eccezionali, come la guerra. Noi pensiamo ci possano essere sitauzioni talvolta più difficili di quelle provocate dalla guerra. Prendiamo, per esempio, il caso di un giovane che studi all'estero e che non possa sposarsi. Commetterà zina? Rischia l'inferno. Si asterrà? Gli psicologi hanno dimostrato che l'astinenza può essere dannosa all'equilibrio dell'individuo. Ora, la soluzione a questo problema esiste: è lo ziwaj el-mutaa.

Se si pone il problema in modo scientifico si può affermare che uno scapolo non abbia bisogno della soddisfazione sessuale? Tutte le società monogame vivono nel peccato mentre la Sharia offre all'individuo la possibilità di non peccare... Bertrand Russel ha affermato che, se il mondo intero avesse adottato il matrimonio secondo lo sciismo, non vi sarebbero problemi tra i sessi. Purtroppo anche la nostra società sta facendo sue le idee dell'Occidente; si accetta il fatto di avere un'amante, ma si rifiuta il matrimonio temporaneo".

"Ma attenzione, il matrimonio temporaneo è sottoposto a delle condizioni. Le stesse che reggono il matrimonio normale. L'unica differenza sta nella limitazione della durata. In teoria questo matrimonio riguarda solo le vedove e le divorziate. Se c'è il consenso del padre, può essere celebrato anche con una vergine. Se la donna non chiede la presenza di testimoni, basta che la coppia pronunci da sé la formula sacra e dventano marito e moglie".

Debora Avolio



L'›izballah è il partito integralista sciita nel sud del Libano. Nel Libano convivono diverse confessioni religiose, tra cui cristiani, musulmani sunniti, musulmani sciiti, druzi.
Termine arabo che significa "adulterio". Commette zina colui o colei che ha rapporti sessuali al di fuori del matrimonio.
Hinde Taarji, Le donne velate dell'Islam, 1992, Essedue Edizioni, pp. 185-186;
Hinde Taarji, Le donne velate dell'Islam, 1992, Essedue Edizioni, p. 186;
Soluzioni informatiche Sibilla NetSibilla Net